valentina perazzini     works    text    links    news

video  drawing





 

margheritario
video installazione, fiori secchi e petali scritti
dimensioni variabili
2012- presso Nuvole Arte Contemporanea- Montesarchio(BN)

M'ama o non m'ama è un gioco che credo tutte le bambine hanno fatto almeno una volta, si tolgono i petali di una margherita ad uno ad uno fino a che l'ultimo petalo enuncia la sua sentenza; questo non toglie però la possibilità di prendere un'altra margherita e ricominciare da capo se la risposta non piace, come a voler trasmettere in un rito il proprio desiderio, come se fosse una preghiera, un rosario, o per meglio dire un “Margheritario”.
Questo progetto è costituito da una parte di un lavoro materiale, in cui ho trascritto su un migliaio di petali di margherita m'ama o non m'ama fino a comporre un cerchio, dall'altro di un video dove le margherite perdono lentamente tutti i loro petali fino a rimanere soltanto dei globuli sospesi nel vuoto. In entrambi i casi c'è una suggestione ad una ripetizione infinita, che non ha risposta e che può ricominciare in qualsiasi momento, ed allo steso tempo una sensazione di desolazione lasciata da tutti i gambi delle margherite usate (conservati come prova del gesto) e da questi centri che permangono nel video.

I think every girl played the game “he loves me, he loves me not” at least one time in her childhood, picking the petals of a daisy one by one. In this game the last petal gives you the answer but, if you do not like it, you can always pick up another daisy and start again until you get the answer you desire. Doing so the game becomes a ritual prayer where the petals are rosary beads (this concept led to the title of the artwork “Margheritario”). This project consists of two different parts: firstly I wrote the sentence “he loves me, he loves me not” on a thousand petals to form a circle; secondly I created a video where the daisies are slowly losing their petals until they appear only as yellow spheres floating in the air. Both parts of the opera suggest an endless repetition which gives no final answers and may start again any time. At the same time the stalks of the spoiled daisies (the only evidence left of my gesture) and the floating spheres on the screen convey a sense of grief and desolation.

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini

valentina perazzini